Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 26 giugno 2017

Pubblicato: 20/05/2008

Le reazioni: "La misura Ŕ colma"


CATANIA - "La misura è colma, non è possibile tollerare oltre lo stato di profonda insicurezza che pervade il Paese a causa dei Rom e degli extracomunitari. È necessario che le istituzioni facciano sentire il peso della loro autorevolezza". Afferma in una nota il presidente dell'Osservatorio sui Diritti dei Minori, il sociologo Antonio Marziale.

E aggiunge: "Consapevole che il problema della sicurezza e dei Rom dovrà essere risolto in sede UE, essendone la Romania membra" e propone "un'area di accoglienza e riabilitazione nella Spagna, stante l'autorevole autocandidatura, di questi giorni, di Zapatero e dei suoi ministri".

Per il responsabile legale dell'Osservatorio, Antonino Napoli, "occorre sgomberare immediatamente tutti i campi nomadi e creare delle strutture ove questi soggetti possano risiedere, per periodi più o meno lunghi, nel rispetto della loro cultura ma, soprattutto, delle leggi dello Stato".

"Occorre che la magistratura intervenga - continua Napoli - al fine di verificare se gli episodi accaduti a Catania e Napoli, come in tante altre aeree del territorio, siano isolati o vi sia un'organizzazione criminale dedita al sequestro dei bambini, con una propria struttura logistica, e procedere, come già fatto da alcune procure, a contestare il reato di associazione a delinquere".

"I rom che non svolgono alcuna attività lavorativa vanno subito rimpatriati". L’eurodeputato de La Destra, Nello Musumeci, non trova mezze misure.

Per Musumeci “il tentativo di rapimento dimostra come ormai la comunità dei rom agisce sul territorio con proterva arroganza costituendo un serio pericolo sociale".

"Non si deve generalizzare – prosegue l’esponente de La Destra – ma le forze dell’ordine debbono procedere all’interno dei campi alla immediata identificazione degli accampati e allontanare chi non svolge alcuna attività lavorativa".




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.