A Palermo continua la prevenzione oncologica

di Nuccio Sciacca. Nella provincia gli Open day itineranti dell'Asp

In Italia si registrano, in media, 1.030 nuovi casi di tumore al giorno ma di questi, ed è il dato ancora più importante, il 40% circa può essere prevenuto adottando uno stile di vita corretto ed essere diagnosticato in fase iniziale, prima, cioè, che si manifesti a livello clinico. Anche a Palermo e provincia l’Asp serra le fila degli operatori sanitari e cerca di garantire equità nell’accesso a una diagnosi precoce. Il Ssn (Servizio sanitario nazionale) indica, infatti, attraverso il ministero della Salute, tre programmi di screening per la prevenzione dei tumori di cui due tipicamente femminili, seno e collo dell’utero, e il terzo dedicato a lei e a lui: lo screening per il tumore del colon-retto, una malattia divenuta la seconda neoplasia nelle donne e la terza negli uomini.

L’ultima iniziativa sulla prevenzione l’Asp l’ha organizzata a Ficarazzi, in collaborazione con la locale amministrazione comunale (nella foto sindaco Giallombardo, giunta e sanitari). I camper degli screening sono stati la meta di un flusso continuo di persone per la prevenzione cardiovascolare Incessante l’afflusso al doppio ambulatorio per la prevenzione cardiovascolare (77 visite ed elettrocardiogrammi e 44 ecocardiografie) ma sono stati tanti anche gli utenti che si sono sottoposti alla vaccinazione antinfluenzale. Complessivamente l’equipe itinerante dell’Asp ha effettuato 525 prestazioni, tra cui 37 mammografie (screening del tumore della mammella); 41 tra Pap test ed Hpv Test (screening del cervicocarcinoma) e distribuito 43 Sof Test per la ricerca del sangue occulto nelle feci (screening del tumore del colon retto), mentre sono stati 33 i prelievi ematici a bordo del camper per la prevenzione delle malattie infettive sessualmente trasmesse (Hiv, epatite C e sifilide).

scroll to top
Hide picture