Imprenditore faceva affari coi tortoriciani

La Dia di Messina confisca beni per quasi 7 milioni VIDEO

MESSINA – Beni per un valore complessivo di 6 milioni 800 mila euro sono stati confiscati dalla Direzione investigativa antimafia a Nunzio Ruggieri, noto imprenditore di Naso.

Dia Messina.mp4

Dia Messina.mp4

Il provvedimento, oltre a un consistente patrimonio finanziario e immobiliare, dislocato nella provincia di Messina, tra Capo d’Orlando, Naso, Brolo e Sant’Agata di Militello, comprende anche il 50% di una società tuttora operativa nel settore della macellazione e commercializzazione di pellame (con un volume d’affari al momento del sequestro di circa 5 milioni di euro), nonché il 20% di un fondo consortile, anch’esso operante nel settore commerciale. 

L’uomo colpito dal provvedimento, che nel tempo risulta aver intrattenuto rapporti con esponenti di spicco dei sodalizi mafiosi dei tortoriciani, già nel 2005 era stato condannato con sentenza della Corte d’appello di Messina per fatti di usura che hanno riguardato un funzionario di banca il quale, nel tentativo di ripianare la situazione debitoria creata a carico del proprio istituto di credito, si rivolgeva a diversi soggetti tra i quali anche il proposto per ottenere prestiti rilevatisi poi di natura usuraria.

scroll to top
Hide picture