Kalat ambiente, tutti assolti

Dati gonfiati nella raccolta rifiuti: per tribunale Caltagirone "il fatto non sussiste"

CALTAGIRONE (CATANIA) – Tutti assolti con la formula ‘perché il fatto non sussiste’ i 14 imputati del processo sullo scandalo sui presunti dati ‘gonfiati’ nella raccolta differenziata gestita da Kalat ambiente. E’ la sentenza del tribunale penale di Caltagirone riunito in composizione collegiale.

Il 10 maggio del 2013, era stato posto agli arresti domiciliari Vito Digeronimo, presidente del cda di Kalat Ambiente e all’epoca commissario dell’azienda ospedaliera universitaria Policlinico di Catania, adesso assolto da tutti i capi di imputazione. L’ordinanza di custodia del gip era stata revocata dal Tribunale del riesame di Catania.

Tra i reati, contestati a vario titolo, traffico di rifiuti, frode in pubbliche forniture, truffa allo Stato e abuso d’ufficio. Oltre a Digeronimo sono stati assolti Salvatore Ilardi, Nicolò Vitale, Enzo Demetrio Ruggieri, Vincenzo Ciffo, Filippo Gentile, Salvatore Straquadanio, Alfio Agrifoglio, Adriano Di Francisca, Angelo Agnello, Salvatore Mangiaratti, Giovanni Cassino, Giuseppe Bufalino e Salvatore Albachiara. Assolte, con la stessa formula, anche le società coinvolte: la Aimeri ambiente e l’Agesp

scroll to top
Hide picture