6.9 C
Catania
18 Gen 2022

Catania, sospesi medici no vax

SiciliaCatania, sospesi medici no vax

CATANIA – Quattro medici no-vax sono stati sospesi dall’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Catania. La procedura si è resa necessaria dopo un’attenta verifica adottata dai dirigenti sull’ultima lista di nominativi di camici bianchi non vaccinati trasmessa dall’Asp.

L’Ordine etneo ha emesso il provvedimento in rispetto all’art. 4 del Decreto legislativo 44/2021 che riporta le “Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del contagio da Sars-CoV-2 mediante previsione di obblighi vaccinali per gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario” e che stabilisce l’obbligatorietà del vaccino per tutti coloro che esercitano una professione sanitaria o di interesse sanitario, in strutture sanitarie, socio-sanitarie, socio-assistenziali, nelle farmacie e nelle parafarmacie e negli studi professionali.

“Il vaccino è un requisito essenziale per poter svolgere l’attività sanitaria – ha dichiarato il presidente Igo La Mantia – eppure esiste ancora una percentuale di Medici no vax “duri e puri”, che a Catania fortunatamente è minima. L’ultimo elenco di 6 medici non vaccinati pervenuto dall’Asp al nostro Ordine nei giorni scorsi si è ridotto a 4, in quanto due colleghi risultavano in effetti vaccinati in altre sedi. Abbiamo proceduto dunque a sospendere i 4 colleghi non vaccinati sino al 31 dicembre 2021. Purtroppo la quarta ondata della pandemia inizia a preoccupare e, secondo l’Istituto superiore di sanità, a partire dalla seconda metà di agosto il trend delle infezioni continua a crescere proprio tra medici, infermieri e Oss. È lo stesso Iss ad aver dichiarato che per gli under 40 non vaccinati il rischio di contagio è sei volte superiore. È pertanto assolutamente necessario accelerare sulle vaccinazioni e risulta oggi più che mai necessaria la somministrazione della terza dose per proteggere medici, infermieri e personale sanitario, anche alla luce di un possibile aumento della pressione sugli ospedali nei mesi invernali. Naturalmente speriamo che l’allarme rientri al più presto, ma sarebbe grave non farsi trovare pronti”.

Correlati