Catania: chiude Acciaierie, a rischio 500 posti

L'azienda ad agosto si fermerà: "I costi dell'energia sono proibitivi"

CATANIA – “I proibitivi costi energetici hanno costretto Acciaierie di Sicilia, dopo le fermate di giugno e luglio, a programmare la chiusura per tutto il mese di agosto, attivando la solidarietà per 250 lavoratori con conseguenze anche sui circa 250 addetti dell’indotto”. A dare la notizia è la società del gruppo Alfa Acciai che a Catania produce tondo per cemento armato per il settore delle costruzioni. L’azienda chiede “l’immediato intervento del governo con una norma nel “Decreto aiuti bis” che possa contribuire ad equilibrare sin da subito i costi energetici per gli energivori insulari, la cui competitività sul mercato è profondamente indebolita dalla situazione congiunturale”.

Tra le proposte in campo “quella di più semplice e immediata attuazione potrebbe essere una misura modulabile nel tempo che preveda l’aumento del credito d’imposta sull’energia elettrica dal 25 al 50 per cento per le aziende insulari energivore. Storicamente svantaggiate per i prezzi dell’energia, mediamente superiori del 40% rispetto al resto d’Italia, le aziende siciliane sono costrette ad affrontare incrementi di costo ritenuti assolutamente insostenibili: dagli 80 euro a Mw di inizio anno si è passati ai 240 euro di fine aprile, sino ai picchi attuali di 550 euro Mw”, aggiunge la società.

“Una brutta notizia per i lavoratori, per Catania e per tutta l’Isola”, dicono le segreterie di Uilm e Fiom. I sindacati sollecitano “un intervento del presidente della Regione e del governo nazionale affinché la nostra terra non debba soffrire ancora una volta lo scippo di un’azienda storica”.

scroll to top
Hide picture