“La villa è in uno stato pietoso”

L'ex assessore di Acireale: "Che figura facciamo con i turisti?" FOTO

“Ancora una volta questa amministrazione comunale dimostra scarsa sensibilità e attenzione per le esigenze dei cittadini”. Gianluca Cannavó, ex assessore e oggi presidente dell’associazione ‘L’impegno continua’, interviene sullo stato in cui versa la Villa Belvedere di Acireale, polmone verde della città, “abbandonata all’incuria e al degrado. Sterpaglie, rovi ed erba alta accolgono cittadini e turisti in cerca di ristoro dalle alte temperature. È inaccettabile che questa area a verde sia ridotta in questo stato. Non si tratta solo di estetica ma di vivibilità dei luoghi. Per non parlare dei servizi igienici, inutilizzabili. Il nostro Belvedere è ridotto in uno stato pietoso ma rispecchia, purtroppo, le condizioni in cui versa l’intera città”.

L’ex assessore sottolinea anche l’inadeguatezza dell’orario di chiusura dell’area per un comune a vocazione turistica. “È assurdo riempirsi la bocca di parole come turismo quando poi, in concreto, non si intraprendono azioni per favorire l’accoglienza turistica. Chiudere la Villa Belvedere alle ore 20 significa non rendersi conto delle potenzialità di quest’area. D’altronde è anche vero che se la si tiene in queste condizioni forse è meglio che turisti e residenti la frequentino il meno possibile”.

scroll to top
Hide picture