Catania, un 2 giugno tra eroi e ragazzi

Per la Festa della Repubblica i discorsi degli studenti e le medaglie ai caduti FOTO - VIDEO

CATANIA – “Celebrare la festa della Repubblica contribuisce a riaffermare i valori di libertà e democrazia, valori posti alla base della nostra Costituzione”. E’ stato il prefetto Maria Carmela Librizzi stamattina a deporre una corona nella chiesa di San Nicola L’Arena per celebrare a Catania la ricorrenza del 2 giugno. “Non possiamo non affidare la custodia e la pratica di questi principi fondamentali alle giovani generazioni”, ha aggiunto il prefetto. “Se è vero che la realtà di questi giorni anche nella nostra città ci mette di fronte a gravi manifestazioni di disagio giovanile la cui prevenzione richiede azioni sinergiche di tutte le componenti della società civile è anche vero che sussiste un enorme patrimonio di intelligenza, di energie positive che animano i giovani. Questa comunità ha il privilegio di una gioventù piena di talenti, espressioni di capacità artistiche, umane e professionale che danno l’immagine migliore della nostra provincia”.

video

Ne sono testimonianza alla Villa Bellini, nelle immagini del servizio dei tg di Antenna Sicilia e Telecolor, l’orchestra giovanile del Turrisi Colonna che oggi si è esibita e la presenza dei sindaci ragazzi, tra i quali Giordana Blandini, che ha letto il discorso del presidente della Repubblica rivolto ai prefetti. Sono stati anche inviatati a prendere la parola tre studenti, Gloria Lombardo, studentessa del Turrisi Colonna, Alfio Russo, alunno di quinta elementare dell’istituto Sante Giuffrida di Adrano e talento musicale, e Francesco Cavallaro, studente del liceo Spedalieri.

GUARDA LE FOTO

Durante la cerimonia sono state anche consegnate le medaglie d’oro ai familiari di cittadini di questa provincia che hanno vissuto l’orrore dei lager nazisti: “A questi uomini – ha detto il prefetto – va la nostra gratitudine e l’impegno di non dimenticare il loro sacrificio”.

Ecco l’elenco:
– ANTONINO BOSCHETTI. Militare, internato a Mauthausen, in Germania, dall’8 settembre 1943 al 13 luglio 1945. Deceduto. Ritira il figlio Rosario Salvatore BOSCHETTI;
– GIOVANNI BUSA”. Militare. Fatto prigioniero dal comando militare tedesco, è deceduto l’11 febbraio 1944 a seguito dell’affondamento del piroscafo Oria. Per il nipote Sebastiano BUSA’, impossibilitato a essere presente per motivi di salute, ritira il figlio Alfio BUSA’;
– SANTO CUCUZZA. Militare, internato in Germania dal 9 settembre 1943. Deceduto. Ritira il nipote Salvatore FAGONE;
– ALFIO DILETTOSO. Militare, internato in Germania dal 9 settembre 1943 al 1° maggio 1945. Deceduto. Ritira la figlia Rita Rosaria DILETTOSO;
SEBASTIANO PIANA. Militare, internato prima in Polonia e poi in Germania dall’8 settembre 1943 al 4 maggio 1945. Deceduto. Ritira la figlia Chiara Maria PIANA
– VASSILI TUMIDEI. Militare, internato in Germania dall’8 settembre 1943 all’8 maggio 1945. Deceduto. Ritira la figlia Paola TUMIDEI

scroll to top
Hide picture