Cannizzaro, Tac in pronto soccorso

di Nuccio Sciacca. Operativa anche su pazienti pediatrici e non collaboranti

Uno strumento di diagnostica Tac di ultima generazione accorcerà i tempi di attesa al pronto soccorso del Cannizzaro di Catania ma, soprattutto, sarà indicata anche per pazienti pediatrici e non collaboranti senza dover ricorrere alla sedazione, vista la durata molto bassa. Dal punto di vista tecnico l’apparecchio è dotato di un detettore, cioè una corona sensori che registrano l’attenuazione di un fascio radiogeno (raggi X) da 160 mm che è il più ampio esistente al mondo. Questo significa che gli esami saranno 4-5 volte più veloci rispetto a sistemi tomografici tradizionali (con detettore da 40 mm) e con conseguente dose di radiazioni erogata 4-5 volte più bassa.

“La nuova Tac si adatta a qualsiasi esigenza in urgenza-emergenza, nell’ambito oncologico o per la diagnostica e la pianificazione dei trattamenti in campo chirurgico ed endovascolare, inoltre la possibilità di ridurre la dose di radiazioni, l’elevata velocità di scansione e l’ampio diametro del gantry per l’ingresso del paziente la rendono particolarmente adatta all’utilizzo pediatrico”, ha spiegato Salvatore Giuffrida, direttore generale dell’Azienda Cannizzaro. “Il sistema – ha aggiunto Domenico Patanè, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Diagnostica per Immagini – offre massima rapidità di esecuzione con ampi volume di acquisizione, a bassa dose, ma al contempo consente di ottenere immagini provviste di dettagli anatomici e patologici finissimi. La dotazione di Intelligenza Artificiale, chiamata True Fidelity, grazie agli algoritmi di deep learning e alle reti neurali, fa in modo che le immagini siano esenti da artefatti da movimento spesso presenti negli individui incoscienti, negli esami in urgenza, nei pazienti pediatrici”.

scroll to top
Hide picture