Femminicidio a Lentini, fermo convalidato

La confessione del marito dopo un lungo interrogatorio

SIRACUSA  – E’ stato convalidato il fermo di Massimo Cannone, 45 anni tappezziere di Lentini, accusato di aver ucciso la moglie, Naima Zahir, 45 anni, originaria del Marocco, nella loro abitazione di Lentini. Il gip del Tribunale di Siracusa ha convalidato il fermo firmato dal pm Gaetano Bono che ha coordinato l’inchiesta della polizia. Cannone, poche ore dopo il fermo, aveva confessato di aver ucciso la moglie perché “si sentiva oppresso e costretto agli arresti domiciliari dalla vittima”. Nella ricostruzione della polizia, Cannone avrebbe pugnalato la donna alla gola con un grosso coltello da cucina, mentre lei si trovava distesa nel letto con gli auricolari, impegnata a navigare in internet con il telefonino.

scroll to top
Hide picture