10.7 C
Catania
29 Gen 2022

Home bar, i no-vax organizzano feste e veglioni

ItaliaHome bar, i no-vax organizzano feste e veglioni

ROMA – Riunirsi nelle abitazioni come in un pub, al bar o in un ristorante, ma senza l’obbligo del lasciapassare verde. Il popolo dei No Vax e No Pass annuncia la propria risposta al decreto sul Super Green pass in vista del cenone di Natale e del veglione di Capodanno.

Gli ‘Home bar’ sono l’ultima frontiera del popolo anti-vaccinista, una sorta di variante dei ‘Covid party’ (le feste dove si sfida il virus esponendosi volontariamente al rischio del contagio) e stavolta l’iniziativa ha uno scopo preciso: eludere legalmente dal prossimo 6 dicembre le nuove limitazioni sul lasciapassare a quelle persone prive del certificato di immunizzazione o avvenuta guarigione.

Sui social sono centinaia i post condivisi in vista del Capodanno e delle festività, in cui viene spiegato che “gli Home bar sono le case dei cittadini che si organizzano con amici per bere o mangiare qualcosa”. L’unica regola per i partecipanti è di pagare una quota stabilita, per poi rifornirsi al supermercato e organizzarsi come se si fosse al bar o al ristorante: luoghi che, senza aver fatto la vaccinazione e senza un certificato di guarigione, dal 6 dicembre saranno off limits. Per questo l’appuntamento gira sulle bacheche di gruppi, chat e contatti social del popolo No Vax e tra i post viene chiarito: “non è nulla di illegale, è solo il ripristino delle serate tra amici”.

Dai pranzi con bistecca fiorentina in Toscana agli aperitivi e dessert con cannoli in Sicilia, passando per le cene con arrosticini in Abruzzo, in tanti – almeno negli annunci – mettono a disposizione la propria casa per l’Home bar. “Ci divertiamo anche con le restrizioni”, si legge tra post su Telegram e Facebook, mentre qualcuno nei commenti azzarda paralleli con il proibizionismo americano di un secolo fa, “quando vietavano l’alcol e la gente si riuniva per consumarlo privatamente”. Insomma, ‘fatto il decreto trovato l’inganno’, sostengono i No Pass, che stavolta contro il certificato verde evocano i tempi di Al Capone negli Anni ’20.

Correlati