19.9 C
Catania
21 Ott 2021

Naufragio a Lampedusa: morte 7 migranti, bambini dispersi

SiciliaNaufragio a Lampedusa: morte 7 migranti, bambini dispersi

AGRIGENTO – Sette migranti, tutte donne, sono morti nel naufragio di una barca avvenuto a circa 5 miglia da Lampedusa. Le vittime dovrebbero essere del Senegal, una di loro era in stato di gravidanza. L’imbarcazione sulla quale viaggiavano si sarebbe all’improvviso ribaltata e molti sono finiti in mare.
I soccorritori hanno recuperato 46 superstiti (cinque delle quali sono state rianimate mentre una donna in gravidanza è stata stabilizzata), dieci, tra cui due bambini, i dispersi.
La tragedia è avvenuta all’alba nelle acque fra Lampedusa e Lampione. La barca si è rovesciata poco prima che iniziassero le operazioni di soccorso, “verosimilmente a causa dello spostamento dei migranti”. A bordo una sessantina di subsahariani.
L’allarme, ricostruisce la guardia costiera, è scattato all’alba quando è arrivata una telefonata di uno dei migranti sulla piccola barca di 8 metri. La Procura di Agrigento ha aperto un fascicolo d’inchiesta per naufragio, a carico di ignoti.
“Alla vista delle motovedette della guardia costiera i migranti si sono sbilanciati – ha detto il procuratore capo Luigi Patronaggio -. Tanti sono finiti in mare o perché mal distribuiti sul barcone o perché hanno perso l’equilibrio. Sulle salme verrà eseguito un esame esterno direttamente a Lampedusa. E poi, se dal caso, decideremo se disporre o meno autopsia”.
Oltre al naufragio è stata una notte di sbarchi quella che si è registrata a Lampedusa. Sono 256 i migranti approdati sull’isola, a partire dalle 3.30, con quattro diversi barconi. Tre imbarcazioni sono state soccorse al largo, la quarta – con 6 tunisini a bordo – è invece riuscita ad arrivare, alle 7 circa, direttamente in porto.
Tutti i 256 migranti sbarcati fra la notte e l’alba sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola. Con il loro arrivo nella struttura si arriverà a 660 ospiti a fronte di una capienza massima prevista per 250 persone.
“Non si vuole prendere coscienza di quello che succede nel Mediterraneo, non vale a nulla la solidarietà che, adesso, ci arriverà. Perché la solidarietà deve essere vera e concreta”, dice il sindaco di Lampedusa e Linosa, Totò Martello. “Continua il silenzio da parte del presidente Draghi. Sono passati 15 giorni, se non di più, da quando ho chiesto d’essere convocato per discutere di quello che avviene”.
 
 
 

Correlati