Aperto anche l’hub vaccinale di Ragusa

Musumeci: "Non demonizziamo la cura, è l'unica strada per debellare il virus"

RAGUSA – Entra in funzione oggi il centro vaccinale realizzato all’interno dell’ex ospedale civile di Ragusa. La struttura, che avrà funzione di hub provinciale, affiancherà gli altri punti di vaccinazione del territorio, Palermo, Catania, Siracusa, Messina e Caltanissetta (a cui domani si aggiunge anche Agrigento).
Oltre un centinaio di operatori sanitari tra medici e infermieri, 24 postazioni. “Stiamo lavorando – dice il governatore Nello Musumeci – affinché i vaccini possano arrivare nella giusta quantità. Soltanto col vaccino possiamo immaginare la stagione della speranza. Abbiamo affidato alla magistratura il compito ad accertare se esiste una correlazione tra il decesso sospetto e l’effetto del vaccino stesso. Non demonizziamo i vaccini. Non c’è alternativa se non si vuole restare vittime del Covid”.
Il centro di Ragusa – che ricade in un’area risanata e recentemente valorizzata dal verde – è stato ricavato all’interno della struttura ospedaliera dismessa da anni, nell’ala est dell’edificio, grazie ai lavori di ristrutturazione realizzati in tempi brevi dal Dipartimento regionale della protezione civile. Ogni box ha a disposizione due poltrone; alcuni, più grandi, hanno anche tre postazioni a sedere.
L’area, che occupa una superficie complessiva di circa 800 metri quadri, include inoltre una zona di accoglienza e registrazione, la sala di attesa e osservazione post vaccino, sei servizi igienici di cui due per le persone diversamente abili e lo spogliatoio per il personale medico. A disposizione degli utenti anche due psicologi per il supporto psicologico e una ventina di volontari formati dell’associazione Avo (Associazione di volontari ospedalieri) che assisteranno gli utenti. L’area circostante è munita di ampi parcheggi.

scroll to top
Hide picture