“Non c’è posto”: muore in ospedale

La denuncia del sindacato a Palermo. L'Asp: "Le condizioni del paziente non sembravano gravi"

PALERMO – Un uomo di 77 anni è morto questa mattina al pronto soccorso dell’ospedale Ingrassia di Palermo. Era stato portato nell’area di emergenza dai sanitari del 118. Le sue condizioni non sembravano gravi, raccontano dall’ospedale.
Al paziente è stato fatto il tampone, poi è stato portato in una delle stanze in attesa dell’esito degli esami. Non appena sono arrivati la tac e i risultati diagnostici è emerso che doveva essere subito operato d’urgenza per una dissecazione aortica.
Secondo il sindacato Cimo i medici non hanno trovato un posto in cardiochirurgia. “Cercavano un posto nei reparti di cardiochirurgia – dice Angelo Collodoro, vicesegretario del sindacato dei medici Cimo -. Questo posto non è stato trovato. Più passavano le ore, più la situazione diventava seria. Poi è arrivato il decesso”.
Secondo quanto accertato dal sindacato ieri un altro paziente palermitano di 61 anni anche lui con una grave patologia cardiaca è stato trasferito in elisoccorso a Catania. Anche in questo caso non sarebbe stato trovato un posto negli ospedali palermitani.
Per segnalare il problema “i medici – aggiunge Collodoro – hanno chiesto l’intervento dei carabinieri”. In effetti i militari si sono presentati in ospedale e hanno sentito il racconto.
Il magistrato alla fine del sopralluogo ha disposto la restituzione della salma alla famiglia per celebrare i funerali. La famiglia non avrebbe presentato denuncia. “Il paziente è arrivato nella notte – dicono dall’Asp -. Le sue condizioni non apparivano gravi. Via via che sono arrivati gli esami è merso che aveva un’embolia e una dissecazione aortica. Poco dopo le condizioni sono aggravate ed è morto”.

scroll to top
Hide picture