Catania, salvato il furetto nell’auto

Era chiuso in un portabagagli a temperature insopportabili. Nell’Oasi del Simeto la polizia trova anche rifiuti pericolosi e un falegname fuorilegge FOTO

Catania, salvato il furetto nell’auto

CATANIA – Controlli nell’Oasi del Simeto hanno permesso alla polizia di Catania di scoprire diverse attività illecite. Nel Villaggio Delfino gli agenti hanno sorpreso un uomo che stava trasportando rifiuti speciali pericolosi (materiale di risulta derivante da lavori edili); l’avrebbe smaltito sul suolo pubblico, tra l’altro in piena Oasi del Simeto; il muratore, con svariati precedenti, è stato indagato.

Nelle vicinanze del villaggio, lungo un appezzamento di verde pubblico, i poliziotti hanno individuato un auto e sentito un rumore proveniente dal portabagagli: all’interno c’era una piccola cassettina (chiusa e con dei trafori) che conteneva un furetto; considerato il forte caldo e la circostanza che l’animale sembrava essere senza acqua né cibo già da tempo, il proprietario è stato indagato per detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura tali da creargli gravi sofferenze.

Infine all’interno del Villaggio Campo di Mare è stato eseguito un controllo in una falegnameria che versava in condizioni pessime sotto il profilo della sicurezza sui luoghi di lavoro con parti strutturali pericolanti; tra l’altro il titolare era privo di sistemi di protezione individuale, con attrezzature non conformi e vetuste. Oltretutto, non ha esibito alcuna autorizzazione.


Correlati