Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedý, 24 agosto 2017

Pubblicato: 04/05/2010

Catania, sesso nel centro benessere

Le massaggiatrici, etnee e romene, andavano oltre i loro compiti: arrestato il titolare per sfruttamento della prostituzione. Per le prestazioni extra i clienti pagavano tra i 20 e i 50 euro

CATANIA - Il proprietario di un centro benessere di Catania, G. F. A, di 50 anni, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di piazza Dante per induzione, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.

I militari hanno accertato che nella struttura, che è stata sequestrata, operava un centro di prostituzione nel quale donne catanesi e romene di tutte le età fornivano prestazioni sessuali. Cinque donne di nazionalità italiana e due romene sono state denunciate per favoreggiamento personale perché avrebbero cercato di proteggere il proprietario del centro.

Secondo quanto accertato, oltre a massaggi con olio e borotalco della durata media di 30 minuti l'uno venivano garantite ai clienti, a richiesta o su proposta, anche prestazioni sessuali non protette per una cifra che oscillava dai 20 ai 50 euro.

I clienti, consapevoli dei particolari servizi forniti, una volta entrati avrebbero scelto la ragazza tra le 7-10 di solito presenti a rotazione. Ognuna di loro, dopo aver praticato una sorta di massaggio - nessuna delle donne identificate aveva il titolo per esercitare tale attività - avrebbe fornito la prestazione sessuale richiesta. I militari hanno sequestrato anche una ingente somma di denaro ritenuta provento dell'attività di prostituzione.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.