Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 24 ottobre 2017

La classifica delle regioni per qualità e salute


Questa la classifica del Censis delle regioni sulla base della qualità dell'assistenza offerta in base ad un indicatore di costruito tenendo conto, fra l'altro, della valutazione dell'utenza (% di persone che hanno valutato il Servizio sanitario del proprio territorio con un voto da 7 a 10), l'offerta ospedaliera, la mobilità ospedaliera e l'assistenza territoriale.

Indice qualità offerta
1 Emilia-Romagna         67,6
2 Toscana                62,9
3 Veneto                 55,0
4 Lombardia              54,6
5 Valle d'Aosta          54,0
6 Friuli-Venezia Giulia  53,4
7 Liguria                53,3
8 Trentino-Alto Adige    52,9
9 Umbria                 52,6
10 Piemonte              50,1
11 Molise                37,9
12 Marche                36,8
13 Abruzzo               34,5
14 Lazio                 33,5
15 Sardegna              26,6
16 Basilicata            26,3
17 Puglia                15,4
18 Sicilia               14,7
19 Campania              13,8
20 Calabria               9,8

Questo invece l'indicatore sintetico delle condizioni di salute nelle regioni italiane sulla base di un indicatore che tiene conto del dato sulla speranza di vita, la mortalità gli stili di vita, la percentuale di prevenzione e di popolazione senza malattie croniche.

Indicatore di salute 
1 Trentino-Alto Adige     74,2
2 Veneto                  59,1
3 Friuli-Venezia Giulia   58,7
4 Lombardia               55,6
5 Emilia-Romagna          55,3
6 Valle d'Aosta           54,7
7 Abruzzo                 54,2
8 Puglia                  53,9
9 Marche                  52,2
10 Molise                 50,4
11 Toscana                49,7
12 Piemonte               48,9
13 Campania               48,9
14 Lazio                  48,0
15 Umbria                 46,2
16 Calabria               42,2
17 Liguria                41,9
18 Basilicata             39,0
19 Sicilia                38,7
20 Sardegna               37,9.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.