Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 23 settembre 2017

Pubblicato: 27/07/2009

Agrigento, tutti eludevano il fisco

Frodi da oltre un miliardo di euro da parte di imprenditori, denunciate 120 persone tra Ravanusa e Canicattì

AGRIGENTO - I finanzieri del nucleo di polizia tributaria del comando provinciale di Agrigento hanno scoperto evasioni delle imposte sui redditi e dell'Iva per oltre un miliardo di euro da parte di imprenditori dei comuni di Ravanusa e Canicattì (Agrigento).

Le indagini, inoltre, hanno portato alla denuncia di 120 persone per dichiarazione fraudolenta ed emissione di fatture per operazioni inesistenti. Recentemente, un'altra società, con sede nel comprensorio di Ravanusa, che si occupa di commercializzazione di rottami ferrosi è finita nel mirino delle fiamme gialle.

L'attività di verifica ha permesso di accertare e segnalare ricavi sottratti al fisco per oltre 80 milioni di euro e un omesso versamento dell'Iva e dell'imposta sulle attività produttive per oltre 15 milioni di euro. Anche in questo caso è stato scoperto un sistema che ricalca la tecnica dell'utilizzo delle cosiddette "società cartiere" costituita ad hoc e prive di qualsiasi struttura economica-imprenditoriale. L'azienda così costituita avrebbe permesso, quindi, l'immissione nel mercato di materiale ferroso "in nero".




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.