sono da repubblica delle banane"" /> sono da repubblica delle banane""> Bianco: "Gli autobus a Catania<br>sono da repubblica delle banane"
Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 23 ottobre 2017

Bianco: "Gli autobus a Catania
sono da repubblica delle banane"

L'ex sindaco cita la stessa Amt: "Gli orari dei mezzi non vengono pubblicati perché non possono essere garantiti. Motivo? Le carenze finanziarie e la disastrosa situazione del traffico cittadino"

CATANIA - "Gli orari degli autobus? Un optional. L'Amt non pubblica gli orari delle corse degli autobus 'per una scelta aziendale', che è quella di 'non pubblicare gli orari sulle paline di fermata' perché non può garantire gli orari degli autobus. Motivo? 'Le attuali carenze finanziarie e gestionali' e 'la disastrosa situazione del traffico cittadino'". Il senatore del Pd e consigliere comunale a Catania, Enzo Bianco, cita come fonte "la stessa Azienda municipale trasporti" per sollevare il problema dei bus.

"Siamo davvero precipitati nella repubblica delle banane - aggiunge l'ex sindaco -. La resa dell'Amt è totale e ci chiediamo quanti minuti dovremo aspettare prima che l'autobus del sindaco passi a ritirare il presidente e il consiglio di amministrazione dell'Amt per portarli via, unico vertice delle municipalizzate ad essere tuttora inspiegabilmente al suo posto".

"A poco servono le scuse dell'Amt per il disagio - conclude Bianco -, non si comprende come mai in tutti questi mesi nessuno abbia messo mani all'azienda del trasporto pubblico e non si sia dato da fare per consentire ai cittadini di Catania di potersi muovere con i mezzi pubblici".




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.