Commercialista intascava i soldi dello studio associato

Sequestro per 1,4 milioni di beni a Massimiliano Longo VIDEO

CATANIA – Beni per 1,4 milioni di euro e sette società – del settore dei servizi forniti da dottori commercialisti, del trasporto marittimo di passeggeri, della locazione immobiliare di beni propri e dei supermercati – sono stati sequestrati dalla guardia di finanza di Catania insieme e due immobili a un commercialista, Massimiliano Longo, indagato per appropriazione indebita aggravata e autoriciclaggio. I militari hanno eseguito una ordinanza emessa dal Gip su richiesta della Procura della Repubblica di Catania.

Sequestro a commercialista catanese

Sequestro a commercialista catanese

Secondo quanto accertato dalle indagini delle Fiamme Gialle, Longo, in qualità di socio e rappresentante legale dell’associazione di professionisti Fla Floresta Longo e Associati con sede a Catania, avendo piena disponibilità dei conti correnti in ragione dell’incarico di gestione contabile dell’associazione, avrebbe effettuato in tre anni diversi bonifici a proprio favore per importi sensibilmente superiori alla quota di partecipazione agli utili pattuita tra i soci, appropriandosi indebitamente di oltre un milione e quattrocentomila euro.

L’indagato, inoltre, avrebbe reimpiegato circa un milione di euro di queste somme in attività economiche e imprenditoriali effettuando versamenti per circa 700 mila euro a favore di società a lui stesso riconducibili, acquistando per 143 mila euro la piena proprietà di due immobili ad Aci Castello – oggetto del sequestro odierno – di cui era già proprietario al 50%, sottoscrivendo fondi comuni di investimento per oltre 170 mila euro e investendo 8 mila euro in aste giudiziarie per l’acquisto di oro e metalli preziosi. Oggetto del sequestro sono state le somme di denaro sino a concorrenza di 1,4 milioni di euro, a valere sui conti correnti bancari personali e, in caso di incapienza, su quelli delle società a lui riconducibili. Per le società poste sotto sequestro è stato nominato un amministratore giudiziale.

scroll to top
Hide picture