“Il voto è sacro, congratulazioni a Schifani”

Chinnici: "Avrei dato alla Sicilia un volto moderno" VIDEO

PALERMO – “Congratulazioni a Renato Schifani per la chiara vittoria, gli auguro buon lavoro”. Così Caterina Chinnici, candidata alla presidenza della Regione Siciliana per il centrosinistra, commenta i primi dati sull’esito del voto per le elezioni regionali 2022 in Sicilia.

"Gli elettori hanno scelto un'altra guida"

"Gli elettori hanno scelto un'altra guida"

“Come ho già detto durante la campagna elettorale a chi mi chiedeva commenti sugli altri candidati – aggiunge – il voto è esercizio democratico di partecipazione e responsabilità, oltre che di sovranità popolare, verso il quale porto sacro rispetto. Io ho proposto il mio impegno di valore civico per le persone e la collettività, e ho proposto me stessa per come sono, senza maschere o sovrastrutture, con un programma che avrebbe dato alla Sicilia un volto moderno, un profilo istituzionale e autorevolezza. Gli elettori, valutando liberamente, hanno scelto un’altra guida con un programma diverso, questo va riconosciuto e accettato. Alla Sicilia, che amo e non smetterò mai di amare, auguro comunque ogni bene, sempre”.

“Anche stavolta mi amareggia e mi preoccupa il dato sull’affluenza non solo perché è spia di grande sfiducia dei cittadini verso la politica, e non solo perché metà degli aventi diritto al voto si rimette alle scelte dell’altra metà, ma anche perché in tali condizioni si smarrisce, di fatto, la più importante forma di verifica democratica sull’operato della politica. Credo che su questo tutti abbiano il dovere di interrogarsi profondamente e seriamente”, ha aggiunto la Chinnici.

“Dopo la rottura del patto delle primarie ho mantenuto la mia disponibilità non voltando le spalle agli elettori ed è stata una scelta di coscienza che confermo, ma sicuramente, leggendo oggi i numeri, non può che confermarsi anche il grande dispiacere per l’impatto che il venir meno del campo largo ha avuto su queste elezioni regionali, fino a quel momento una partita aperta e da quel momento in poi, invece, una salita molto ripida: io questa sfida l’ho affrontata con coraggio e determinazione, pur sapendo che sarebbe stata molto più difficile. Ringrazio i tanti siciliani che con il loro voto hanno mostrato di credere in me. Ringrazio anche la coalizione e le persone che mi hanno dato sostegno in questo percorso”, ha concluso Chinnici. 

Alla Chinnici i ringraziamenti del segretario del Pd siciliano Anthony Barbagallo. “Rivolgo un ringraziamento sentito e caloroso alla nostra candidata alla presidenza, Caterina Chinnici: ha accettato una sfida ardua, ha vinto le primarie e si è messa in gioco senza risparmiarsi, anche quando la competizione si è oggettivamente complicata nel momento in cui la coalizione si è disgregata in seguito alla scelta scellerata del M5s di lasciare un percorso avviato da tempo”, ha detto Barbagallo in una nota. “Formulo il mio in bocca al lupo al presidente Schifani, che ho chiamato per congratularmi. Lo attende un lavoro arduo. Spero che non sia in continuità con Musumeci, che non faccia l’uomo solo al comando ma avvii un sano confronto con il Parlamento siciliano”.

“Il risultato, non c’è dubbio, non è a noi favorevole. Sappiamo le traversie che abbiamo dovuto affrontare – ha detto ancora Barbagallo -. Prima le primarie di coalizione, poi il M5s che decide di sciogliere l’alleanza e quasi contestualmente con le Politiche già indette le elezioni regionali anticipate dopo la scelta di convenienza personale da parte di Musumeci. Sono fatti oggettivi. Detto questo: il Pd ha condotto una campagna elettorale pancia a terra, senza risparmiarsi ma non è stato sufficiente, abbiamo avuto poco tempo per esporre il nostro programma per convincere gli indecisi, la parte preponderante anche di questa tornata elettorale, ad andare a votare”.

“Mi assumo la responsabilità di questo risultato così come di tutte le decisioni precedenti. Tutte, lo voglio ricordare, approvate all’unanimità dagli organismi del partito e condivise con la segreteria nazionale – conclude -. Abbiamo fatto il possibile con il tempo e i mezzi a disposizione. Anche se, probabilmente qualcuno s’è impegnato molto di più sul dopo e molto meno sull’obiettivo principale, che era vincere le elezioni”.

scroll to top
Hide picture