Selfie di famiglia sulle tombe di Riina e ‘Binnu’

Le foto dei coniugi circolano sul web. E il figlioletto bacia le lapidi

Prima un selfie con la moglie sulla lapide di Totò Riina, poi un omaggio sulla tomba di Bernardo Provenzano. Sono diventate virali sul web le storie postate sul proprio profilo Facebook da Pompeo Piserchia, foggiano vecchia conoscenza delle forze di polizia per i suoi precedenti penali per reati contro il patrimonio. Lui e la moglie sono stati arrestati nel 2019 perché nella loro casa era nascosta sotto la culla del figlioletto una pistola.

Ieri la famiglia Piserchia al completo si è recata al cimitero di Corleone in Sicilia, dove sono sepolti proprio i due boss di Cosa nostra. “Rimani sempre nei nostri cuori”, dice nel video Piserchia immortalando la tomba di Provenzano. Poi il ricordo della sua morte: “Oggi è il 13 luglio, oggi il suo anniversario. Il 13 luglio 2016 è venuto a mancare il grande Provenzano”. Piserchia commenta ancora: “Oggi in questo giorno famoso ho avuto l’onore di stare sulla sua tomba”. Mentre la moglie invita tutti a portare “una rosa a zio Totò” e il figlioletto di 4 anni bacia le lapidi dei due boss.

scroll to top
Hide picture