Da Odessa alla Sicilia, unite dai cani

Allevatrice ucraina ospitata con famiglia e animali da una collega trapanese

MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) – Da Odessa a Mazara del Vallo per sfuggire dalla guerra. È la storia di Elena Savytska, 63 anni, delle sue due figlie, Julia di 37 e Anna di 36, e del nipote Alex di 13 anni: quattro profughi che sono arrivati dall’Ucraina e sono stati accolti a Mazara del Vallo da Graziella Calamusa, 37enne allevatrice di cani maltesi.

A legare Julia e Graziella è stata proprio la passione per gli amici a quattro zampe. Prima di questa occasione le due donne non si conoscevano. “Come allevatrici di cani siamo membri di un gruppo Facebook che mette insieme colleghi di tutta Europa – racconta Julia – e quando è scoppiata la guerra abbiamo chiesto aiuto a tutti”. In prima battuta la necessità di reperire cibo per i cani poi la richiesta di accoglienza.

“Da Mazara del Vallo mi sono subito attivata per fare arrivare due pedane di croccantini e tappetini assorbenti – racconta Graziella Calamusa -, poi ho dato la mia disponibilità a Julia ad accogliere lei e la sua famiglia”. Così è nato questo canale umanitario di solidarietà. “Noi eravamo già una famiglia numerosa e ora ci ritroviamo a essere quasi dieci a casa”, racconta felice Graziella. Elena, le due figlie e il nipote hanno percorso quasi 4 mila chilometri in autobus e treno.

“A Odessa abbiamo vissuto intere settimane rinchiusi tra casa e lo scantinato – racconta la signora Elena, vedova da gennaio scorso -, uscivamo solamente per andare a fare la spesa”. A Mazara del Vallo hanno portato anche 6 cani, altri 9 li hanno lasciati con la nonna 82enne Tamara. “Voglio tornare al più presto a Odessa – dice Alex, il più piccolo dei quattro profughi – lì ho i miei amici, la mia palestra, la mia scuola”. “Nostro padre, mesi prima che morisse, ce lo diceva: Putin ci farà la guerra”, racconta Julia. Leonid, morto a 74 anni, fu partigiano volontario nella guerra del Donbass e Crimea del 2014.

Oggi, giorno di Pasqua, Graziella ha preparato il pranzo della festa. Per gli ucraini ortodossi oggi non è Pasqua ma staranno tutti insieme: “Vogliamo tornare al più presto nella nostra Ucraina. Vogliamo continuare a vivere serenamente la nostra vita senza più guerra”. A Mazara del Vallo hanno trovato l’aiuto di Victoria Tarasyuk, di Leopoli ma da 16 anni in Sicilia. E’ lei che li aiuta con la lingua, insegnando loro l’italiano.

scroll to top
Hide picture