10.7 C
Catania
29 Gen 2022

Capo dei vigili corrotto con una macchina da caffè

SiciliaCapo dei vigili corrotto con una macchina da caffè

MESSINA – I carabinieri di Taormina hanno colpito un’associazione a delinquere che agiva nella fascia jonica della provincia di Messina attraverso un sistema di corruzioni tra pubblici ufficiali (personale della polizia municipale del Comune di Letojanni e della polizia metropolitana di Messina) e imprenditori.

Sono scattati gli arresti domiciliari per 7 persone accusate, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di reati contro la pubblica amministrazione, contro la fede pubblica e contro il patrimonio.

Tra le persone arrestate c’è il comandante della polizia metropolitana di Messina, Antonio Triolo. Ai domiciliari sono anche i suoi colleghi di Letojanni, il comandante dei vigili Alessandro Molteni e l’ispettore Santo Triglia, la figlia di Molteni, Elisa, la moglie di Triglia, Gaetana Cardile, l’imprenditore Antonino Navarria, amministratore della “Sos strade srl”, e Andrea Lo Conti, titolare della “La car”, ditta satellite della “Sos strade”.

Il comandante Triolo per favorire la ditta di Navarria, dice l’accusa, ha ricevuto una macchinetta del caffè, un telefonino e mobili per l’ufficio e la promessa dell’assunzione della figlia. 

È stato disposto anche il sequestro della “Sos strade srl”, che si occupa della sistemazione delle strade dopo gli incidenti. L’organizzazione criminale infatti gestiva in modo illecito questo servizio. A guadagnarci erano il titolare della società sequestrata, che aveva acquisito il monopolio nel settore, ma anche due dei pubblici ufficiali che avrebbero ottenuto grossi introiti.

Fondamentale per l’inchiesta è stata la collaborazione di una gola profonda interna all’amministrazione pubblica che ha raccontato come funzionava il sistema per la rimessa in efficienza delle strade comunali.

L’attività investigativa è stata avviata in seguito alle anomalie accertate dai carabinieri di Mongiuffi Melia nelle procedure di ripristino delle condizioni della strada dopo un incidente in cui un mezzo aveva avuto una perdita di gasolio. A destare il sospetto dei militari è stato l’intervento, “irrituale” di una pattuglia della polizia municipale del comune di Letojanni, non competente per territorio.

Partendo da questa anomalia, i carabinieri si sono resi conto che nella maggior parte dei sinistri con versamento di liquidi o detriti sul manto stradale, che si verificavano sulle strade del comune di Letojanni, di alcuni comuni limitrofi e sulle arterie provinciali, la ditta individuata per la rimessa in efficienza della carreggiata era la S.O.S. Strade S.R.L.. Nella stragrande maggioranza dei sinistri gestiti dalla società, a intervenire, come esponenti delle forze dell’ordine, erano sempre due vigili della polizia municipale di Letojanni. 

La Sos Strade otteneva tutti gli interventi grazie al rapporto privilegiato che legava il titolare della società a due esponenti della polizia locale di Letojanni. Per ottenere il recupero dei costi dalle assicurazioni dei conducenti dei mezzi incidentati la ditta aveva delegato ad agire in suo nome un’altra società, di Santa Teresa di Riva, la ELTA Service, le cui quote risultavano ripartite rispettivamente tra la figlia e la moglie dei due esponenti della polizia municipale di Letojanni.

I pubblici ufficiali si adoperavano per affidare in modo diretto alla Sos Strade i lavori di pulizia della carreggiata, consentendogli di fatto di avere il sostanziale monopolio nel servizio di rispristino e di bonifica sul territorio di Letojanni. Questo meccanismo permetteva in sostanza ai pubblici ufficiali, attraverso la società schermo creata ad hoc (la ELTA Service), di ottenere tanti più introiti quanti più erano i sinistri per i quali interveniva la Sos Strade: a un maggiore numero di interventi su strada, corrispondeva un maggiore numero di pratiche di liquidazione da gestire e di conseguenza un maggiore incasso per la società delegata al recupero crediti.

Le indagini hanno permesso di accertare che il meccanismo di corruzione riguardava non solo gli interventi di ripristino delle strade comunali, ma anche di quelle provinciali, con il coinvolgimento del responsabile della polizia metropolitana di Messina che avrebbe consentito alla Sos Strade di avere il monopolio nel servizio di ripristino delle sedi stradali nel territorio della città metropolitana di Messina.

In cambio avrebbe avuto in regalo una macchinetta del caffè, un telefono cellulare, mobili per l’ufficio e la promessa dell’assunzione della figlia. Nel corso dell’indagine sono stati notificati avvisi di garanzia a 4 persone, tra cui il rappresentante legale protempore della società sequestrata. Tra di loro c’è anche l’amministratore di fatto di una società della provincia di Cosenza che avrebbe versato un assegno di oltre 2.000 euro sotto forma di sponsor per un convegno organizzato dalla ELTA Service, finalizzato invece ad indurre gli esponenti della polizia locale di Letojanni a rendersi disponibili alla conclusione di accordi illeciti per la fornitura di dispositivi di controllo della velocità degli autoveicoli (autovelox).

Sono indagati anche un dipendente del Comune di Santa Teresa di Riva e il figlio: il primo avrebbe rivelato al titolare della società indagata notizie riservate sulla gara in corso per la stipula della convenzione di ripristino e bonifica stradale in cambio dell’assunzione in nero del figlio. L’inchiesta ha impegnato oltre 100 carabinieri di Messina, che hanno operato anche nelle provincie di Catania e Cosenza.

 

Correlati