14.1 C
Catania
19 Gen 2022

In arrivo venti a 100 km/h e onde alte 5 metri

SiciliaIn arrivo venti a 100 km/h e onde alte 5 metri

Avrà il suo clou tra domani e venerdì, per poi attenuarsi nel weekend, l’ondata di maltempo in Sicilia e Calabria causata dal vortice ciclonico che oggi si è allontanato dalle due regioni ma domani potrebbe ripresentarsi con maggiore forza fino a diventare ‘Medicane’ (uragano mediterraneo).

Le raffiche potranno superare i 100 km orari e ci sarà il rischio di mareggiate sulle coste esposte: le onde potranno addirittura superare i 4-5 metri di altezza nello Ionio. Il Medicane, spiegano gli esperti, è un ciclone che si forma nel Mediterraneo ma ha caratteristiche simili a quelle di un ciclone tropicale, ed è caratterizzato dalla presenza di un occhio al centro della circolazione. Si tratta, in sostanza, di normali perturbazioni che, sopra le acque calde del Mediterraneo, si trasformano e cominciano a comportarsi un po’ come un vero e proprio ciclone tropicale.

Secondo i meteorologi, tuttavia, nonostante i fenomeni estremi a cui abbiamo assistito nelle ultime ore non è corretto, al momento, parlare di un vero e proprio Medicane perché il ciclone non sta ancora ruotando intorno a un occhio ben definito. Per Flavio Galbiati, meteorologo di iconameteo.it, la causa della maggiore frequenza e intensità di fenomeni così estremi (un anno fa un Medicane colpì sempre la Sicilia) è legata alla temperatura delle acque superficiali del mare, rese sempre più elevate dal cambiamento climatico. “Anche in questi giorni – rileva – le temperature della superficie mostrano anomalie che superano anche il grado rispetto alla media climatica proprio nel settore centro-orientale del Mediterraneo”.

Per quanto riguarda la Sicilia attenzione particolare a Catania e provincia, che insieme a quella di Siracusa ha maggiori possibilità di coinvolgimento dal Medicane. Non esclusi ulteriori picchi pluviometrici ancora una volta superiori ai 150-200 mm con possibili criticità idrogeologiche, frane e allagamenti, oltre ai potenziali danni arrecati dal forte vento.

Da segnalare il maltempo anche sul Palermitano, tutto l’Ennese, il Ragusano e l’area di Caltanissetta, con piogge e rovesci associati a venti sostenuti tra levante e tramontana. In generale meno coinvolti agrigentino e trapanese dove tuttavia non mancheranno precipitazioni talora abbondanti e raffiche di vento, ma non intense quanto il versante ionico dell’Isola.

Correlati