“Relitti e barchini alla deriva, Draghi ci aiuti”

Il sindaco di Lampedusa denuncia la pericolosa presenza di natanti affondati

LAMPEDUSA (AGRIGENTO) – “A Lampedusa restano alla deriva i barchini dei migranti creando problemi ambientali, mettendo a rischio la navigazione nelle nostre acque. Alcuni natanti affondano creando tanti di quei danni ai pescherecci ed alle loro reti e attrezzature da rendere in certi casi impossibile la pesca da parte delle nostre marinerie”. Lo denuncia il sindaco di Lampedusa e Linosa, Totò Martello, riferendosi alle imbarcazioni dei migranti. Quando le persone vengono recuperate in mare aperto le loro barche che non possono essere “agganciate” ed accompagnate in porto restano in mare aperto alla deriva,
“Sono numerose – aggiunge – le imbarcazioni dei migranti che anche in questi giorni vengono recuperate dal personale dell’Area Marina Protetta delle Isole Pelagie, spesso con l’aiuto dei pescatori lampedusani. Voglio esprimere il mio ringraziamento a quanti sono impegnati in questa importante operazione necessaria alla tutela del nostro ambiente ed alla sicurezza dei natanti, degli stessi pescatori e dei bagnanti. Ma da soli non possiamo farcela, serve il sostegno del governo e mi rivolgo in particolare al presidente Draghi affinché valuti il tema dei ‘barchini abbandonati in mare’ che rappresenta uno dei diversi ambiti di intervento legati all’impegno di Lampedusa sul fronte dell’accoglienza dei migranti”.

scroll to top
Hide picture