8.6 C
Catania
25 Gen 2022

“Variante delta prevalente al 95%”

Italia"Variante delta prevalente al 95%"

ROMA – In Italia al 20 luglio la prevalenza della variante delta era del 94,8%, in forte aumento rispetto alla indagine del 22 giugno, con valori oscillanti tra e singole regioni tra 80% e 100%. Lo rileva l’ultima indagine rapida sulle varianti dell’Iss.
“La prevalenza delle varianti mostra come la delta sia ormai dominate in Italia, la gamma (brasiliana) è invece contenuta ed è in declino la variante alfa”, dice il presidente Iss Silvio Brusaferro. “Anche contro la delta il primo e più importante antidoto è completare il ciclo vaccinale. La vaccinazione riduce in modo significativo il rischio di contrarre infezione, di ospedalizzazione e morte e questo vale per tutte le fasce di età e per tutti i vaccini. Da qui l’importanza di completare il ciclo vaccinale, perché il ciclo completo è estremamente efficace nel ridurre anche le possibilità di contrarre l’infezione”.
“L’età media di chi contrae l’infezione – continua Brusaferro – è di 27 anni e la maggioranza dei casi che si sviluppano sono autoctoni, cioè si generano nella stessa regione”. Invece 49 anni è l’età media per i ricoveri in ospedale e 63 per chi entra in terapia intensiva. Inoltre, la maggioranza dei casi si sviluppa ora in modo autoctono e si sviluppa all’interno della stessa regione.

Correlati