Catania, fermato capitan uncino

Si inventa un modo originale per rubare una bici. Individuati anche un truffatore, ladri di auto e di elettricità

CATANIA – Un dominicano di 30 anni, abitante a Catania, è stato denunciato per il furto di una bicicletta, sottratta all’interno del cortile di una palestra del centro cittadino. I poliziotti hanno esaminato le immagini dell’impianto di videosorveglianza e da qui hanno individuato il volto noto agli investigatori per analoghi furti.

Per prelevare la bicicletta ha agito dall’esterno del cortile dov’era parcheggiata, agganciandola con un uncino metallico assicurato a una fune e sollevandola oltre il cancello di delimitazione del cortile. Quindi è fuggito a bordo della stessa.

Denunciate sempre a Catania anche tre persone, responsabili di furto di energia elettrica, realizzato attraverso la manomissione del contatore; il valore complessivo dell’energia trafugata ammonta a circa 8.000 euro.

Sempre in tema di furti, una volante ha intercettato in via Naumachia una Lancia Ypsilon che era stata rubata a Piazza Armerina. A bordo del mezzo è stato bloccato un catanese di 25 anni.

In via degli Agrumi è stato beccato un pregiudicato che, con una persona rimasta ignota, aveva tentato di sottrarre il catalizzatore di un’auto parcheggiata. La polizia ha trovato uno dei due disteso sotto la macchina, mentre l’altro fungeva da palo. Il fermato, residente a Misterbianco, era sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora.

Infine indagato per truffa un 51enne che si è spacciato per dipendente di una nota compagnia assicurativa e con artifici e raggiri ha indotto una persona a effettuare un bonifico per il pagamento di una polizza su un conto corrente riconducibile a lui.

scroll to top
Hide picture