Ponte sullo Stretto: “Nuovi dati dalla commissione”

ROMA – La relazione della commissione di esperti sul ponte sullo Stretto “contiene molte informazioni nuove, molti elementi che vadano considerati da molti punti di vista. La mia speranza è che questo dibattito prenda in considerazione questa analisi e poi si svolga un dibattito pubblico anche alla luce dei nuovi dati. Discuteremo questo una volta che il rapporto sarà reso pubblico”. Queste le parole del ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini in tv.

“Questa commissione di esperti molto molto qualificati ha completato il lavoro, prendendo in considerazione diverse ipotesi e ha tratto delle conclusioni che verranno rapidamente inviate in Parlamento e al dibattito pubblico”, ha aggiunto.

Sull’ipotesi che per il ponte possano essere usati i fondi del Next Generation Eu, il ministro ha chiarito che “il Pnrr è chiuso, andato a Bruxelles, fine delle trasmissioni. E come ho detto nelle scorse settimane non sarebbe stato possibile inserirlo, anche se qualcuno avesse voluto, perché le scadenze sono il 2026 con le opere in esecuzione. Dopodiché ci sono altri fondi e, se il Paese deciderà di andare in questa direzione, deve utilizzare altri fondi”.

Meno diplomatico l’assessore siciliano alle Infrastrutture Marco Falcone: “Le ultime notizie che giungono da Roma ci danno ragione. La commissione di esperti, istituita dall’ex ministro De Micheli, conferma quello che sosteniamo da sempre, cioè la bontà del progetto già esistente del ponte sullo Stretto come unica strada per scrivere una nuova storia di Sicilia e Sud Italia. Per altro verso, l’ipotesi alternativa di Italferr del ponte a tre campate, ancorché valida e ritenuta fattibile, sarebbe però tutta ancora da impostare. Ecco perché dobbiamo partire subito dal progetto di Eurolink che WeBuild, assieme a Sicilia e Calabria, si è detta pronta a realizzare da subito. Un progetto chiavi in mano, già munito dei necessari pareri e relative autorizzazioni”.


© La Sicilia Multimedia s.p.a.| p.iva 03655570871