Famiglia messinese distrutta dal Covid

di Tonino Demana. Prima muore la madre, poi il figlio 40enne e ora il padre in condizioni disperate al Policlinico. Positivo anche il fratello

MESSINA – Mentre le luci del Natale accendono la città, il Covid 19 spegne per sempre il sorriso di Vincenzo Crisafulli.
Aveva 40 anni ed anche lui si aggiunge alla lista dei morti per coronavirus che non guarda in faccia nessuno. Cinque giorni era deceduta la madre, sempre per Covid, ora è toccato a Vincenzo, mentre il padre lotta per la vita nel reparto di Rianimazione del Policlinico di Messina. Positivo, al momento senza particolari sintomi, anche il fratello.
Un’intera famiglia stroncata dal virus, silente e letale, tanto da portarsi un gigante di 40 anni che lavorava all’ospedale Piemonte per conto di una ditta di pulizie, ma che con il suo sorriso e la sua grande disponibilità era diventato l’amico di tutti.
La notizia, arrivata all’alba, ha gettato nello sconforto l’intera città. Sui social sono in tanti a ricordarlo: “Sei andato via da noi, adesso sei lassù con la tua mamma” e poi “una famiglia distrutta da questo demone che non ha pietà” ed ancora “non vedrò più il tuo buongiorno giornaliero su Fb e non potrò più abbracciarti tutte le volte che ti incontravo. Chi ti conosce, non dimenticherà mai il tuo sorriso buono”.

scroll to top
Hide picture