Tinteggiatura e scerbamento: a Catania c’è lavoro per chi ha il reddito di cittadinanza

Pronti 49 progetti di utilità collettiva per i 1.500 percettori

CATANIA – Pulizia caditoie stradali; tinteggiatura e pulizia giornaliera di fontane, bambinopoli, aree esterne di scuole comunali e asili nido, piazze e parchi cittadini; manutenzione e scerbamento spazi verdi; attività sensibilizzazione per la raccolta differenziata; ausilio all’attività di protezione civile.
Sono solo alcuni dei 49 progetti di utilità collettiva messi a punto dall’amministrazione comunale di Catania per impiegare oltre 1.500 percettori del reddito di cittadinanza.
Gli uffici dell’assessorato ai Servizi sociali stanno operando per le complesse azioni propedeutiche allo svolgimento delle attività lavorative, da un minimo di 8 a un massimo di 16 ore settimanali. Si tratta di selezionare le persone tenuto conto delle attitudini e delle pregresse competenze di ciascuno, con l’ausilio di piattaforme informatiche, secondo le caratteristiche del lavoro da svolgere nel pubblico interesse, al fine di rendere proficuo per la collettività l’attribuzione del beneficio economico del reddito di cittadinanza e offrire agli indigenti un’opportunità socialmente inclusiva.
“I progetti elaborati – ha spiegato l’assessore Giuseppe Lombardo – offrono un’ampia platea di opportunità e rappresentano il mezzo con il quale accompagnare il processo di fuoriuscita dalla marginalità dei cittadini in situazione di povertà, con riferimento soprattutto ai nuclei familiari maggiormente distanti dal mercato del lavoro. Contiamo di avviare al lavoro tra poche settimane, quantomeno le prime decine di cittadini, tenuto conto delle limitazioni causati dall’emergenza sanitaria che non agevola il lavoro di incrocio dati operato dal personale comunale”.

scroll to top
Hide picture