Bloccarono sbarco, due leghisti denunciati

Manifestazione di protesta a Lampedusa: Angela Maraventano e Attilio Lucia accusati di interruzione di pubblico servizio

Bloccarono sbarco, due leghisti denunciati

AGRIGENTO – Interruzione di pubblico servizio. E’ per questa ipotesi di reato che Angela Maraventano, ex senatrice della Lega Salvini, e Attilio Lucia, vice presidente dello stesso partito a Lampedusa sono stati denunciati alla Procura di Agrigento. A procedere è stata la Digos.

I due esponenti del Carroccio sono stati ritenuti responsabili, il 30 agosto scorso, da mezzanotte alle 4, di una “manifestazione non preannunciata” per ” per impedire il transito dei mezzi impegnati al trasferimento dei migranti” durante lo sbarco di un peschereccio con a bordo 369 migranti di diverse nazionalità, 30-40 manifestanti” e “la presenza dei migranti sull’isola”. Il tutto “servendosi – è scritto negli atti – di un megafono, enunciando slogan contro il governo nazionale e criticando la gestione delle politiche migratorie e incitando gli altri manifestanti a bloccare l’ingresso alla banchina” del porto.

“Io e Attilio Lucia – ha scritto su social network Angela Maraventano – siamo stati denunciati per aver impedito il trasferimento dei migranti. Dire che abbiamo commesso un reato di interruzione di pubblico servizio è veramente ridicolo. Portare i migranti da un molo all’edificio dell’hotspot è diventato servizio pubblico? Incredibile! Con questo Governo esercitare il diritto di manifestazione e di libertà di pensiero è reato.

Noi – ha concluso – non molliamo, non ci arrendiamo”. Un’altra manifestazione di protesta, caratterizzata certamente da maggiore tensione rispetto a quella dello scorso 30 agosto, s’è tenuta a partire dalla serata di mercoledì al molo Madonnina.


Correlati