Giardini Naxos, altri 3 casi di coronavirus. L’ex zona rossa Salemi sale a quota 24

Nel centro jonico 11 malati dal 2 settembre. Il sindaco del Trapanese: “Fase delicata”. Due animatrici contagiate a Erice. A Palermo dipendente comunale positivo al sierologico: evacuato Polo Tecnico

Giardini Naxos, altri 3 casi di coronavirus. L’ex zona rossa Salemi sale a quota 24

Aumenta il numero dei contagiati da Covid nel primo polo turistico siciliano del Messinese, tra Taormina e Giardini Naxos. A Giardini Naxos si registrano altre 3 positività che portano a 11 il numero dei casi registrati a partire dal 2 settembre scorso. A Taormina, invece, si contano al momento complessivamente 10 casi accertati riscontrati in questi primi giorni del mese.

“Dopo le notizie degli ultimi giorni sui casi positivi accertati di contagio da coronavirus – ha comunicato il sindaco di Giardini Naxos, Nello Lo Turco – devo purtroppo comunicare che tra venerdì scorso e stamattina l’autorità sanitaria ha comunicato altri tre nominativi di cittadini residenti a Giardini Naxos risultati positivi. Invito tutti alla calma ma soprattutto a rispettare con scrupolo le misure di sicurezza”.

Apprensione a Salemi, Comune del Trapanese, ex zona rossa dove tornano ad aumentare i casi. “Registriamo altri due casi a Salemi. Anche in questo caso l’ambito è circoscritto al focolaio già conosciuto. Il totale dei contagiati sale a 24. Siamo in una fase delicata: l’attenzione resta altissima perché è importante bloccare il diffondersi del virus”, spiega il sindaco Domenico Venuti.

“Per questo motivo – aggiunge il primo cittadino – torno a sottolineare l’importanza della quarantena per chi è entrato in contatto con una persona contagiata. La quarantena è una delle armi fondamentali per impedire la circolazione del virus. Un’altra sottolineatura importante riguarda i tamponi: la corsa spasmodica a questo tipo di esame, senza avere prima consultato il proprio medico, non contribuisce a risolvere la situazione. Chiunque ritenga di avere avuto contatti con una persona contagiata deve mettersi in autoisolamento preventivo e contattare il proprio medico che saprà consigliare tempi e modalità di intervento. Fondamentali, infine, l’utilizzo delle mascherine e il distanziamento fisico: accorgimenti che devono entrare nella nostra vita quotidiana”.

Due ragazze, animatrici in un campo grest ad Erice, sono risultate positive al Covid. Sono in corso tamponi ai bambini che hanno partecipato alle attività presso il parco Avventura di contrada Martogna.

A Palermo un caso di Covid-19 è stato comunicato stamattina al Comune da parte di un dipendente del Polo Tecnico di via Ausonia che è risultato ieri positivo al test sierologico. Il dipendente è ora in attesa dell’esito del tampone. Poiché lo stesso lavoratore era stato in servizio fino a venerdì l’assessore ai Lavori pubblici, Maria Prestigiacomo, ha chiesto al datore di lavoro, il capoarea Nicola Di Bartolomeo, di procedere alla evacuazione dell’intero edificio, adottando i provvedimenti necessari ad effettuare i test ai lavoratori ed allo stesso tempo garantire i servizi minimi alla cittadinanza.

Sono invece saliti a 12 i dipendenti della Rap, la ditta che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo, positivi. Lo ha confermato il presidente Giuseppe Norata, anche lui in isolamento in via precauzionale. Finora sono stati eseguiti una media di 70 tamponi al giorno e di 150 test sierologici.


Correlati