Ad Agrigento servizio psicologico per donazione organi

di Nuccio Sciacca. “Fondamentale sensibilizzare maggiormente i cittadini”

Ad Agrigento servizio psicologico per donazione organi

L’Asp di Agrigento ha aggiunto un importante strumento per la raccolta delle dichiarazioni di volontà di donazione degli organi istituendo nella Unità operativa complessa di anestesia e rianimazione del presidio ospedaliero San Giovanni di Dio un “servizio di informazione e raccolta dichiarazioni” curato dalla psicologa Crt Emanuela Solombrino (telefono 0922 442812).

L’Azienda sanitaria, in sinergia con il Centro regionale trapianti della Sicilia, torna così a puntare i riflettori sull’espressione di consenso sulla donazione degli organi come, gesto di grande altruismo e generosità. I cittadini possono  esprimersi sulla donazione di organi e tessuti attraverso cinque modalità: la dichiarazione di volontà espressa presso gli uffici di anagrafe dei comuni al momento di richiesta o rinnovo della carta d’identità; la registrazione presso la propria Asp di riferimento o il medico di famiglia, attraverso un apposito modulo; la compilazione del “tesserino blu” del ministero della Salute o del tesserino di una delle associazioni di settore, da conservare insieme ai documenti personali; qualunque dichiarazione scritta che contenga nome, cognome, data di nascita, dichiarazione di volontà (positiva o negativa), data e firma, anch’essa da conservare tra i documenti personali; l’atto olografo dell’Associazione italiana donatori di organi (Aido).

Il coordinatore regionale del Crt Sicilia, Giorgio Battaglia (nella foto), intervenendo a margine dell’attivazione del nuovo punto di informazione e raccolta di Agrigento, ha parlato dell’iniziativa: “Ringrazio l’Asp di Agrigento. Per ridurre le opposizioni è necessario sensibilizzare maggiormente i cittadini informandoli sui modi per dichiarare la propria volontà sulla donazione. Per scegliere di diventare donatore è bene conoscere tutte le tutele previste e sapere che il nostro sistema trapianti è tra i primi posti in Europa per qualità degli interventi e sicurezza dei processi”.


Correlati