Catania, accerchiato e rapinato del cellulare

Un giovane minacciato in via di Sangiuliano con dei cocci di bottiglia da tre stranieri: in manette un gambiano

Catania, accerchiato e rapinato del cellulare

CATANIA – La polizia di Catania nel corso della notte scorsa hanno arrestato il gambiano 23nne Abdulaziz Sannu, pregiudicato e irregolare sul territorio nazionale, per una rapina compiuta insieme a due complici ai danni di un giovane in via Sangiuliano, nei pressi del quartiere San Berillo Vecchio.

La richiesta d’intervento è arrivata al 112 poco prima delle 4 del mattino: la voce al telefono ha riferito all’operatore di essere rimasta vittima di una rapina compiuta da tre ragazzi stranieri che lo avevano accerchiato e minacciato con dei cocci di bottiglia branditi a mo’ di arma.

Impossessatisi del telefono cellulare i tre si erano allontanati in direzione del quartiere San Berillo. Di uno, però, l’interlocutore è riuscito a fornire una dettagliata descrizione, talmente precisa che gli agenti lo hanno scovato.

Sannu ha intuito che i poliziotti erano lì per lui e non si è dato per vinto: dopo una breve fuga è stato raggiunto dai poliziotti con i quali ha ingaggiato una colluttazione che si è conclusa con l’arresto. Addosso al gambiano, riconosciuto dalla vittima, 21 grammi di marijuana già suddivisa in dosi pronte alla vendita e 75 euro.

Condotto in questura, il gambiano dovrà rispondere anche di resistenza a pubblico ufficiale e spaccio di droga. Il pm di turno ha disposto che venisse rinchiuso nel carcere Piazza Lanza.


Correlati