Cuoco ucciso, carabiniere resta in carcere

Il gip rigetta la richiesta: Marco Corallo è accusato dell’omicidio di Giuseppe Lucifora nella sua abitazione di Modica

Cuoco ucciso, carabiniere resta in carcere

RAGUSA – Resta in carcere il carabiniere Marco Corallo, 39 anni, accusato di aver ucciso, lo scorso 10 novembre, il cuoco Giuseppe Lucifora, 57 anni, nella sua abitazione di Modica.

Lo ha deciso il Gip di Ragusa, Eleonora Schininà, che ha rigettato la richiesta di revoca della misura cautelare avanzata dai suoi difensori, Peter Tomasello e Orazio Lo Giudice. I due legali stanno predisponendo un ricorso al Tribunale del Riesame di Catania.

Corallo è stato arrestato il 15 giugno scorso da carabinieri della compagnia di Modica e del comando provinciale di Ragusa che indagano sull’omicidio.


Correlati