A Gela sequestrate le cartine cinesi

Sanzioni e denunce per quattro commercianti, requisiti oltre 330 mila accessori da fumo illegali

A Gela sequestrate le cartine cinesi

CALTANISSETTA – Nei giorni scorsi i militari della guardia di finanza di Gela hanno sequestrato oltre 330 mila accessori per tabacchi da fumo, tra filtri e cartine, destinati alla vendita al pubblico ed aventi un valore commerciale complessivo di alcune migliaia di euro. Le Fiamme Gialle gelesi hanno individuato quattro esercizi, nei comuni di Gela e Mazzarino, gestiti da imprenditori cinesi, sprovvisti della necessaria autorizzazione per la vendita dei prodotti.

I commercianti sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Gela per il reato di contrabbando e rischiano una sanzione pari a 5 euro per ogni ogni cartina e ogni filtro sequestrati oltre alla pena della reclusione da due a cinque anni. Inoltre, la contestuale segnalazione alla competente Agenzia delle Dogane e dei Monopoli potrà comportare l’applicazione delle sanzioni accessorie che possono prevedere, oltre quella a carattere pecuniario da 5 a 10 mila euro, anche la chiusura dell’esercizio per un periodo non inferiore a cinque giorni e non superiore ad un mese.


Correlati