Stabilizzati 50 lavoratori al Garibaldi

Catania. Il direttore dell'ospedale: "Tassello importante. E presto toccherà ad altri"

CATANIA – Dando seguito alla ricognizione interna avviata nella prima settimana di gennaio scorso, il Settore Risorse Umane dell’Arnas Garibaldi, azienda diretta da Fabrizio De Nicola, ha comunicato stamattina ai sindacati di aver approvato la stabilizzazione dei primi cinquanta lavoratori aventi diritto rispetto al d.lgs 75/2017, così come integrato dalle disposizioni previste dalla legge n. 160/2020, recante le recenti disposizioni di bilancio dello Stato.
“Si tratta di un provvedimento di una certa rilevanza amministrativa e sociale – dice il manager del Garibaldi – in quanto non soltanto si mette un tassello importante per l’eliminazione della spesa rispetto ai contratti a tempo determinato, ma anche per la serenità a quei numerosi lavoratori, e delle loro famiglie, che per anni hanno lavorato in una situazione di provvisorietà”.
I benefici delle nuove disposizioni di legge, a differenza delle precedenti procedure di stabilizzazione, sono stati applicati non soltanto al personale sanitario nonché a quello tecnico professionale, la cui scadenza del possesso dei requisiti peraltro è stata spostata al 31 dicembre 2019, ma anche al personale amministrativo in possesso dei requisiti fino all’anno 2017.
“Nelle prossime settimane – ha aggiunto De Nicola – stabilizzeremo altri lavoratori grazie alla ricognizione esterna, compiendo un ulteriore passo in avanti per concludere l’iter legislativo. L’indirizzo inderogabile è quello di eliminare nel più breve tempo possibile la precarietà dalle strutture sanitarie. Attraverso tali procedure nonché grazie ai numerosi concorsi in itinere, avremo molto presto una dotazione organica completa, logica e sistematica. Ovviamente un sentito ringraziamento va all’assessore Razza per aver permesso e agevolato tutti i processi indispensabili alla definizione della dotazione organica”.

scroll to top
Hide picture