Sbeffeggiavano un’anziana: arrestati

Incubo finito per una donna, oggetto di sfottò da parte di due giovani catanesi: strombazzavano con lo scooter, suonavano al citofono e la riprendevano con lo smartphone

S. AGATA LI BATTIATI (CATANIA) – I carabinieri hanno arrestato in flagranza due catanesi, Mario Spampinato, 27 anni e un 19enne, poiché ritenuti responsabili di resistenza a pubblico ufficiale. Ogni notte prendevano di mira un’anziana donna abitante in via Corsaro a Sant’Agata Li Battiati. I due, accompagnati da altre persone in corso di identificazione, si presentavano strombazzando con i loro scooter davanti l’abitazione della poveretta, suonandole ripetutamente al citofono, e quando la donna usciva per scacciarli la riprendevano con gli smartphone a mo’ di sbeffeggio.

Sfinita e supportata anche dai vicini di casa, vittime dirette (qualcuno si affacciava ai balconi per rimproverarli, ricevendo insulti e minacce) e indirette di queste azioni incivili, ha chiesto aiuto ai carabinieri i quali, organizzando diversi servizi, l’altra notte li hanno beccati sul fatto. Questi, vedendo i militari, sono fuggiti a bordo di un Honda SH 300 provocando un inseguimento durante il quale per evitare di essere fermati hanno più volte preso a calci l’auto di servizio dei carabinieri, continuando la resistenza attiva perfino dopo essere stati bloccati ed ammanettati.
I due giovani sono stati ammessi al giudizio per direttissima al termine del quale il giudice, dopo averne convalidato gli arresti, ha disposto i domiciliari per il 27enne e la liberazione per il 19enne.

scroll to top
Hide picture