La moglie di Tusa: “Aspettavo la telefonata, non è arrivata”

Il dolore di parenti e amici a Palermo

La moglie di Tusa: “Aspettavo la telefonata, non è arrivata”

PALERMO – Nell’abitazione di Sebastiano Tusa, l’assessore ai Beni Culturali della Regione siciliana morto nell’incidente aereo del volo dell’Ethiopian airlines precipitato stamane ad Addis Abeba, è un via vai di parenti e amici. Tutti cercano di consolare la moglie dell’archeologo, Valeria Patrizia Li Vigni, direttrice del Museo d’arte contemporanea di Palazzo Riso a Palermo, che cerca inutilmente di trattenere le lacrime.

“Mi hanno chiamato dalla Farnesina – dice -, mi hanno detto che non ci sono superstiti…”. Nell’appartamento dell’antico edificio in piazza Ignazio Florio, a due passi dal porto, la commozione è altissima. La moglie di Tusa vorrebbe ancora aggrapparsi alla speranza, ma le notizie che giungono da Addis Abeba sembrano cancellare ogni dubbio residuo.

“Sto aspettando che mi chiamino nuovamente per decidere cosa fare”, aggiunge la Li Vigni che appare attonita e spaesata. Questa mattina era andata a fare jogging con un’amica, poi alla messa come ogni domenica. “Aspettavo una telefonata da Sebastiano – spiega -, mi aveva detto che avrebbe chiamato non appena atterrato a Nairobi. Ma quella telefonata non arrivava”.

Un ritardo che aveva cominciato, piano piano, a trasformarsi in preoccupazione. Poi l’abbraccio disperato con la cognata, Lidia Tusa, che aveva saputo della notizia attraverso il tam tam delle prime indiscrezioni giornalistiche, e la telefonata dalla Farnesina: “Ci dispiace comunicarle che suo marito figura nella lista dei 157 passeggeri del volo Ethiopian airlines diretto a Nairobi”.


Correlati