Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 06 dicembre 2016

Pubblicato: 24/04/2009

G8, via libera alla Carta di Siracusa

Trovato nella notte l'accordo sulla biodiversità: 24 le azioni previste. Ultima giornata del vertice: al centro dei dibattiti il rapporto tra inquinamento e salute dei bambini. Il ministro Prestigiacomo: "Azioni urgenti per il clima"

SIRACUSA - Il G8 Ambiente ha trovato un accordo sulla biodiversità: nella notte è arrivato il via libera alla Carta di Siracusa. Sono 24 le azioni post-2010 contenute nella Carta.

In particolare, si è appreso, le 24 azioni sono divise in diversi capitoli tra cui: biodiversità e clima; biodiversità ed economia; gestione della biodiversità ed ecosistemi; scienza e ricerca. Il 2010 era il termine fissato dai governi, Italia compresa, per il count-down contro la perdita della biodiversità.

Nella giornata conclusiva del vertice, al centro della mattinata il rapporto tra inquinamento e salute dei bambini. Un dovere dei governi e della comunità internazionale preoccuparsi di chi ha meno difesa dall'esposizione ai rischi ambientali. Le statistiche confermano infatti che sono i bambini a subire gli effetti più nocivi di fattori di inquinamento che procurano malattie croniche gravissime. L'impegno dei ministri è quello quindi di sostenere le iniziative internazionali per ridurre o eliminare l'impatto sui bambini di queste sostanze nocive.

Il vertice, presieduto dal ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo, si era aperto mercoledì 22 aprile. Clima, bio-diversità ed eco-tecnologie i punti sui quali oggi si aspetta un documento. Presente anche la rappresentante dell'amministrazione Obama, Lisa Jackson, responsabile dell'Agenzia di protezione ambiente statunitense.

Servono "azioni urgenti" sulla questione clima, ha detto il ministro Prestigiacomo nella conferenza stampa conclusiva del G8 ambiente. "Abbiamo definito in maniera franca e chiara i principi sui quali i capi di stato dovranno spendere tutta la loro leadership al G8 di luglio".




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.