Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 23 ottobre 2017

Pubblicato: 22/09/2017

Termini Imerese

Ex sindaco patteggia pena per l'uso inappropriato dell'auto di servizio

PALERMO - L'ex sindaco di Termini Imerese Salvatore Burrafato ha patteggiato una pena di sei mesi di reclusione commutata in sanzione pecuniaria per l'accusa iniziale di peculato, di falso, truffa aggravata ed abuso in atto di ufficio per avere utilizzato per fini non istituzionali l'auto di servizio del Comune. All'ex sindaco era stata applicata la misura cautelare dell'obbligo di firma e dopo il rinvio a giudizio il si era dimesso. Nell'udienza preliminare che si è tenuta questa mattina, il pubblico ministero ha riformulando le contestazioni formulate originariamente dalla Procura della Repubblica. L'iniziale ipotesi accusatoria per il reato di peculato per il reiterato utilizzo della vettura comunale a scopi personali, punito con la reclusione da quattro anni a dieci anni, è stata derubricata nella più lieve ipotesi di peculato d'uso, punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.