Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

L'assessore Vermiglio si dimette
Al suo posto arriva Aurora Notarianni

Verso le regionali. Crocetta gli aveva chiesto di candidarsi con il Megafono. Il titolare dei Beni culturali era stato indicato da Germanā (Ap), ex alfaniano in procinto di passare al centrodestra

PALERMO - L'assessore regionale ai Beni culturali della Sicilia Carlo Vermiglio, in giunta in quota Ap, ha rassegnato le dimissioni. La decisione è stata formalizzata, secondo quanto si apprende, con una lettera indirizzata al governatore della Sicilia Rosario Crocetta, con la quale l'assessore tecnico ringrazia il presidente per l'esperienza istituzionale. Al suo posto verrà nominata, con molta probabilità, l'avvocato messinese Aurora Notarianni.

Nata a Paola, a Messina è arrivata giovanissima perché i suoi genitori erano terrorizzati all’idea “che io stessi per diventare brigatista e mi spedirono qui a studiare Giurisprudenza. Da allora è diventata la mia città. Qui ho costruito e non solo per me, ma per chi lavora insieme a me, per i nostri assistiti e per i nostri figli" confesso in un'intervista a TempoStretto.

Se da vecchia s’immagina in un paese dell’America Latina a gestire un chiosco di bibite, il presente la vede impegnata nel sociale, con le battaglie con Emergency, le iniziative di beneficenza, e nell’attività legale. La politica doveva essere, nelle sue idee, solo una parentesi. “Quando ho incontrato Crocetta ho precisato che volevo essere una “precaria della politica”. Avrei voluto firmare le “dimissioni in bianco”.

Nei giorni scorsi Crocetta ha chiesto un impegno diretto, e cioè la disponibilità di Vermiglio a candidarsi alle prossime regionali nelle liste del Megafono, il movimento fondato dallo stesso Governatore. "Il nostro è un governo politico e quindi ho chiesto a tutti gli assessori della giunta di impegnarsi in prima persona nelle prossime elezioni regionali perché abbiamo il dovere di creare tutte le condizioni possibili per vincerle - scrive Crocetta - non pongo alcun obbligo sulla scelta delle liste in cui candidarsi, il tema non è la candidatura nelle liste del Megafono, ma ritengo abbiamo il dovere di portare avanti l'impegno di questi cinque anni di governo nelle liste dell'intera coalizione di centrosinistra, pertanto puoi scegliere in quale candidarti". 

Carlo Vermiglio era stato indicato dal deputato regionale Nino Germanà, a un passo dal centrodestra dopo che il partito di Alfano ha deciso di non ricandidarlo.

"È inaccettabile che il presidente della Regione continui a usare le cariche istituzionali come merce per i propri giochi politico-elettorali", attaccano Mariella Maggio, Angelo Capodicasa e Pippo Zappulla del coordinamento regionale di Art.1-Mdp. E Claudio Fava, candidato governatore della sinistra, aggiunge: "Il governatore Crocetta caccia gli assessori che non si candidano nella sua lista. Un concezione rozza e proprietaria della politica e della funzione di governo. È questo il 'voto utile' che insegue il Pd in Sicilia?".




Per commentare l'articolo č necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, č possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso č necessaria la verifica, basterā cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.