Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedě, 23 ottobre 2017

Pubblicato: 18/06/2017

Niente bonus bebč alla figlia di Riina

Il Comune di Corleone e l'Inps si oppongono con motivazioni formali

PALERMO - Lucia, la più piccola dei quattro figli di Totò Riina, ha fatto domanda al Comune di Corleone, dove vive dal '93 dopo l'arresto del padre, per avere il bonus bebè, un assegno riconosciuto dall'amministrazione a chi versa in precarie condizioni economiche.

Il Comune, sciolto per mafia e attualmente retto da tre commissari, ha risposto di no, usando motivazioni formali: la domanda della donna trentacinquenne è stata ritenuta incompleta; mentre è arrivata fuori termine la domanda presentata dal marito di Lucia, Vincenzo Bellomo.

Il no è stato ribadito dall'Inps, che non ritiene la coppia così povera da poter usufruire dell'assegno. Lucia fa la pittrice e i suoi lavori sono pubblicizzati su internet.




Per commentare l'articolo č necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, č possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso č necessaria la verifica, basterŕ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.