Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 21 agosto 2017

Feriti nell'esplosione sull'Etna
la Procura apre un'inchiesta

Catania. Il fascicolo, al momento senza indagati, dovrÓ accertare eventuali responsabilitÓ sui livelli di sicurezza sul vulcano

CATANIA - La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta su eventuali responsabilità relative ai livelli di sicurezza sull'Etna dopo l'esplosione freatica del 16 marzo scorso, a quota 2.700, che ha ferito in modo non grave una decina di persone. Il fascicolo, di cui è titolare il procuratore Carmelo Zuccaro, al momento è senza indagati.

Secondo quanto si è appreso, tra i punti trattati dall'inchiesta la tempistica sull'ordinanza di accesso al vulcano attivo più alto d'Europa, e in particolare se la 'zona rossa' si sarebbe dovuta abbassare di quota prima dell'accaduto, e l'azione delle guide dell'Etna nel garantire la sicurezza dei turisti che accompagnavano.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.