Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 27 giugno 2017

Pubblicato: 08/03/2017

AAA, manto stradale cercasi

La denuncia di un consigliere di quartiere catanese: "A San Giovanni Galermo le voragini pericolose aumentano"

CATANIA - “A.A.A. manto stradale cercasi”. Il vice presidente della IV circoscrizione di Catania, Giuseppe Zingale, segnala che alcune delle principali porte d’ingresso al quartiere di San Giovanni Galermo "sono ridotte a mulattiere a causa di una sistematica assenza di interventi di manutenzione straordinaria".

"E in quell’ampio tratto di largo Lilibeo e la parte nord di via Galermo c’è la nuda e cruda verità fatta di disagi, rischio cadute e slalom di auto, camion e scooter, da una corsia all’altra, per evitare di farsi male e danneggiare il proprio mezzo. Ho fatto decine di richieste all’amministrazione comunale ricevendo in cambio solo promesse. Nel frattempo, le voragini aumentano e si fanno sempre più profonde".

Secondo Zingale "ad aumentare i rischi c’è pure la presenza di decine di negozi in zona che rendono queste strade sempre molto trafficate. Non solo, largo Lilibeo e via Galermo rappresentano arterie quasi obbligatorie per migliaia di pendolari che devono raggiungere il centro di Catania. A completare il quadro, ci sono pure le uscite autostradali per Messina, Siracusa e Palermo".

Zingale sostiene che "le ultime 'opere-spot' fatte con l’impiego dell’asfalto a freddo non è servito assolutamente a nulla perché la continua usura, dovuta al passaggio delle due e quattro ruote, oltre al maltempo, hanno fatto sparire il catrame lasciando le strade al loro stato di originario degrado. Capitolo a parte spetta alla necessità di potenziare sulla zona nord di via Galermo e nel Largo Lilibeo la segnaletica stradale orizzontale e verticale. Per tutti questi motivi chiedo al Sindaco Bianco di attivarsi immediatamente con un piano di lavoro fatto radicale e soprattutto duraturo. Altrimenti San Giovanni Galermo sarà costretta per altri anni a pagare un grosso prezzo in termini di sicurezza e vivibilità".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.