Maxi sequestro al clan Dominante

Vittoria: sigilli a beni per un valore di 20 milioni di euro appartenenti a un esponente di spicco delle cosca affiliata alla Stidda. Guarda il video

Maxi sequestro al clan Dominante

RAGUSA – Personale della Dia di Catania, diretta dal primo dirigente della polizia di Stato Renato Panvino, con la collaborazione del Centro Operativo di Roma e della Sezione Operativa di Catanzaro, sta sequestrando beni per 20 milioni di euro nei confronti di un esponente di spicco del clan mafioso “Dominante”, aderente alla Stidda, egemone a Vittoria e in tutta la provincia di Ragusa.

Il decreto è stato emesso dal Tribunale di Ragusa su proposta di applicazione di misura di prevenzione personale e patrimoniale formulata dal Direttore della Dia, generale Giuseppe Governale, in sinergia con la Dda di Catania, diretta dal procuratore Carmelo Zuccaro.

I beni sono stati sequestrati dalla Dia a Giovanni Cilia, 63 anni, di Vittoria (RG) e alla sua famiglia. Cilia era stato arrestato dai carabinieri di Ragusa, con i figli Rosario e Emanuele, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa nell’ambito dell’ operazione “Krupy”, coordinata dalla Dda di Roma, con l’accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

Le indagini su Cilia hanno svelato che il mercato dei fiori di Vittoria è condizionato dalla mafia che impone beni, merci e servizi. Cilia ha patrimoni sproporzionati rispetto ai redditi dichiarati. I beni comprendono 9 aziende operanti nella provincia Iblea, nel Lazio ed in Calabria, un magazzino adibito ad attività commerciale a Vittoria, una villetta nella frazione marinara di Scoglitti, 9 appartamenti con annessi garage e terreni a Vittoria, 2 locali di deposito di circa 450 mq a Lamezia Terme (CZ), autoveicoli e motocicli, nonché disponibilità bancarie e finanziarie.

Correlati