A Palermo l’ultimo saluto a Biagio Conte

In cattedrale i funerali del missionario laico: "Era un lottatore" FOTO

In cattedrale a Palermo i funerali del missionario laico Biagio Conte celebrati dall’Arcivescovo di Palermo monsignor Corrado Lorefice. “Fratel Biagio era laico cristiano, un mite potente lottatore”. Nelle parole dell’arcivescovo Corrado Lorefice c’è un breve ma preciso ritratto di Biagio Conte, il missionario dei poveri morto a 59 anni. La salma, in una bara di legno povero di colore chiaro, è stata deposta davanti all’altare circondata da volontari e ospiti della comunità fondata da fratel Biagio. Lottava, ricorda monsignor Lorefice, con l’arma del digiuno per tendere al massimo la sua “forza umile e non violenta”. Esprimeva così un impegno cominciato trent’anni fa con la creazione della missione Speranza e carità che nel tempo è diventata una rete di solidarietà umana che in dieci comunità accoglie quasi 600 persone: ultimi, disperati, poveri, migranti. 

GUARDA LE FOTO

“L’unica eredità di cui fratel Biagio si è appropriato – aggiunge l’arcivescovo – è stata il dolore e la povertà dei fratelli. L’eredità che ci lascia è la ricchezza del suo esempio”. Lorefice ricorda poi il percorso umano di fratel Biagio ispirato al messaggio di san Francesco: era ricco e non gli mancava nulla ma ha fatto una scelta di rinunce per dedicarsi al riscatto dei poveri. Erano loro, la pace e la giustizia, le sue passioni.

“Vedevamo in lui – dice ancora Lorefice – una certezza che vorremmo diventasse sempre nostra, di ogni uomo e di ogni donna di buona volontà. C’era una dolcezza nel suo essere che veniva da un Altrove, una vitalità che trovava le sue sorgenti in uno spazio inedito. Per questo fratel Biagio era vivo. Pieno di vita anche alla fine, sul letto che era diventato la sua croce. Sempre attento a ciò che succedeva nella città terrena, sempre in movimento. Anche alla fine, quando non poteva più muovere i piedi, le gambe, ma continuava a muovere il suo cuore, sul sentiero della vita”. 

Avviandosi alla conclusione dell’omelia, Corrado Lorefice non riesce a trattenere la sua commozione. “Siamo anche noi turbati” riesce a dire. Poi si ferma per alcuni istanti mentre in chiesa si levava un applauso prolungato e molto partecipato. Hanno applaudito anche le centinaia di persone che non sono riuscite a entrare in cattedrale. La salma di fratel Biagio sarà inumata nella missione da lui fondata.

scroll to top
Hide picture