Pistola con matricola abrasa nell’auto del consigliere comunale

Adrano. Scattano i domiciliari e la sospensione dalla carica

BIANCAVILLA (CATANIA) – I carabinieri di Biancavilla hanno arrestato per detenzione di arma clandestina e munizioni e ricettazione un consigliere comunale di Adrano, Giuseppe Rapisarda, il quale è anche amministratore unico di una farmacia. I militari, in esecuzione di un decreto di perquisizione emesso dalla Procura di Catania, hanno effettuato un controllo nei locali della farmacia, sita in una via centrale di Adrano, estendendo successivamente le ricerche anche all’auto dell’uomo. Proprio all’interno dell’auto, è stata trovata, nascosta in un borsello sotto il sedile anteriore passeggero, una pistola Beretta calibro 6.35 con matricola abrasa, munita di caricatore inserito con 4 proiettili.

L’arma, posta sotto sequestro, nei prossimi giorni sarà inviata agli esperti del Ris di Messina, per essere sottoposta a specifici esami tecnico-balistici, volti ad accertare l’eventuale utilizzo in eventi criminosi. Il Prefetto di Catania, Maria Carmela Librizzi, ha sospeso dalla carica di consigliere comunale Giuseppe Rapisarda, sottoposto agli arresti domiciliari con provvedimento del Gip. Il provvedimento avrà durata pari agli effetti dell’ordinanza con la quale l’autorità giudiziaria ha disposto la misura cautelare.

scroll to top
Hide picture