Maxi sbarco a Messina con 5 morti

Soccorsi al largo della Libia 500 migranti a bordo di un peschereccio

MESSINA – Due mezzi della Capitaneria di Porto sono approdati sul molo Norimberga dopo avere soccorso un peschereccio al largo della Libia con a bordo 500 migranti quasi tutti di origine siriana ed egiziana. A Messina ne sono sbarcati solo 179, oltre alle salme di cinque persone decedute per cause non ancora accertate. Le cinque salme sono state trasferite all’obitorio del Policlinico. Indagini sono in corso da parte delle Forze dell’ordine per risalire ai motivi decesso. Gli altri migranti sono stati dirottati a Portopalo di Capo Passero, Catania e Crotone. I migranti, tra i quali trenta minori non accompagnati, sono stati accolti da personale della polizia, della Prefettura, del Comune dell’Asp e si sta procedendo delle loro condizioni e a rifocillarli.

Intanto nella giornata di ieri, un peschereccio alla deriva con oltre 600 migranti è stato soccorso, a circa 124 miglia dalla Calabria, da una nave mercantile, da 3 motovedette della guardia costiera e da un’unità della guardia di finanza. A bordo del peschereccio sono stati rinvenuti anche 5 corpi priva di vita. 674 in totale le persone tratte in salvo – alcune recuperate direttamente dall’acqua – dalle MM/VV CP323, 332 e 309, dalla PV3 della guardia di finanza e dalla nave mercantile Nordic – fatta dirigere anche essa in area per l’emergenza – che poi le ha trasbordate su nave Diciotti della guardia vostiera, presente nell’area del soccorso. Sono intervenuti inoltre un veivolo da pattugliamento marittimo P72A impiegato dalla Marina Militare, che ha effettuato il primo avvistamento, e un aereo di Frontex che ha seguito l’evento. I migranti salvati sono stati trasferiti nella mattina di oggi nei porti calabresi e siciliani.

Le operazioni di soccorso sono avvenute in area di responsabilità Sar italiana, sotto il coordinamento della Centro Operativo Nazionale di soccorso della guardia costiera italiana. Le ultime ore sono state particolarmente impegnative per le motovedette della guardia costiera, che in precedenza avevano soccorso, insieme a nave Diciotti, altri migranti che si trovavano su imbarcazioni in precarie condizioni di navigazione, anche queste in area Sar italiana. In una di queste attività, è stato necessario l’intervento di un elicottero partito dalla base aeromobili della Guardia costiera di Catania, per effettuare l’evacuazione medica di una donna.

Lascia un commento

scroll to top
Hide picture